Close
jacket potatoes or

jacket potatoes vert

Un salto negli USA

Facciamo insieme un salto negli States per assaggiare un contorno delizioso a base di patate cotte al forno (baked potatoes) e formaggio filante che ho provato per la prima volta in North Carolina nell’ormai lontano 2005. Molto semplici da preparare, sono un contorno molto diffuso nei paesi anglosassoni; cotte senza grassi avvolgendo ogni patata in un cartoccio di  stagnola, le patate con la giacca possono essere farcite in mille modi diversi: il più classico è il formaggio cheddar, ma, se non riesci a reperirlo, puoi usare dell’emmental o della fontina, e arricchire le tue patate con pancetta, speck, prosciutto, burro, sour cream, fino ad arrivare a versioni più elaborate ed eleganti con salmone o altro pesce affumicato, erba cipollina, prezzemolo. Completale con un filo d’olio e una grattata di sale affumicato, sentirai che delizia!

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 4 patate medie e farinose
  • 150 g di formaggio tipo cheddar, emmental, edamer o altri che fondono
  • Eventuale noce di burro, sale affumicato, olio di oliva o altri ingredienti di cui sopra

 

jacket potatoes or

PREPARAZIONE

  1. Lava molto bene le patate, quindi asciugale con un canovaccio o con della carta da cucina e avvolgi ognuna con della carta stagnola. Ricordati di non sbucciare le patate! Disponile su una teglia e cuocile in forno per circa 80 minuti a 200 gradi modalità statica. Pungi ognuna con i rebbi di una forchetta per verificare la cottura. Se non fossero cotte, continua la cottura fino a che non saranno morbide.
  2. Grattugia il formaggio e rosola in padella eventuale pancetta, bacon o altro. Una volta cotte, incidi le patate con un coltello a lama affilata e aprile leggermente facendo attenzione a non scottarti.
  3. Riempi ogni patata con il formaggio grattugiato o con il condimento scelto. Con il calore della patata questo si scioglierà in breve tempo, rendendo la patata cremosa e saporita. Completa con una noce di burro o un filo d’olio e sala a piacere.
Print Friendly