Close

ricette piemontesi

Uova alla Bela Rosin

uova alla bela rosin (3)

Uova alla Bela Rosin, un piatto storico da riscoprire La ricetta prende il nome da Rosa Vercellana, dapprima amante segreta e poi moglie morganatica di Vittorio Emanuele II, una fanciulla molto più giovane e di origini non nobili che il re, nonostante la moglie ufficiale e il susseguirsi di numerose amanti, continuò ad amare per tutta la vita donandole titoli nobiliari, castelli e possedimenti terrieri. Conosciuta all’età di 14 anni presso il castello di Racconigi, il loro amore fu dapprima clandestino (il re aveva 27 anni ed era sposato con 4 figli); in seguito alla morte della moglie Maria Adelaide, […]

Leggi la ricetta

Torta pesche e amaretti (torta persi pien)

Torta persi pien (7)

L’amaretto, un sapore che non può mancare nei dolci piemontesi! La cucina è un argomento che interessa sempre molto; non a caso in ogni conversazione che comincio si finisce poi sempre a parlare di ricette, segreti di famiglia, tradizioni culinarie. Capita anche a te? Ecco un’altra ricetta di famiglia della mia compagna di coro Imelda, svelatami generosamente durante la prova di un brano e l’altro e alla quale non ho potuto dire di no: la torta pesche e amaretti, arricchita con del cacao, è una torta particolare molto gustosa preparata senza farina e senza burro. La cottura è lenta e a bassa temperatura […]

Leggi la ricetta

Antipasto piemontese (cumpostia)

DSC_2302

La cumpostìa alla piemontese In questi giorni dal mio fruttivendolo di fiducia ho trovato una grande abbondanza di verdura di stagione, fresca e colorata, e mi è subito venuta in mente una ricetta che mi ha consigliato Imelda, una mia compagna di coro, contralto anche lei e bravissima cuoca: l’antipasto piemontese, chiamato cumposta, cumpostia o anche, semplicemente, giardiniera alla piemontese. Questo antipasto si prepara a fine estate, quando c’è grande disponibilità di verdura, ed ha la caratteristica di avere una base agrodolce al pomodoro. L’antipasto piemontese contiene una grande varietà di verdure tra le quali non devono mancare peperoni rossi e gialli, cavolfiore, sedano, carote, […]

Leggi la ricetta

Risotto al Nebbiolo e Raschera DOP

Risotto al nebbiolo con fonduta di Raschera DOP (4) Modificate

Un risotto… ubriaco di sapore! Ti suggerisco un risotto molto semplice e dal gusto deciso, preparato con del vino rosso dealcolizzato e una cremosa fonduta di Raschera DOP che, con la sua dolcezza, va ad equilibrare l’acidità predominante del piatto. Segui i miei consigli e ricordati di utilizzare solo ingredienti di prima qualità, in questo caso, su vino, tipologia di riso e formaggio non si può certo risparmiare! 😉 Risotto al Nebbiolo e Raschera DOP INGREDIENTI PER 4 PERSONE 300 g di riso Carnaroli o Vialone nano 500 ml di vino rosso Nebbiolo 1 rametto di rosmarino 2 noci di […]

Leggi la ricetta

Bagna caoda veloce

Bagna cauda veloce (2)

Una salsina appetitosa per verdure e flan Con una ricetta come quella della bagna caoda non si scherza, e infatti ti propongo di leggere la versione originale, che prevede una lavorazione piuttosto lunga e un contorno di mille verdure sia cotte che crude. Ho scoperto, però,  una versione velocissima e ideale da preparare all’ultimo minuto per condire peperoni al forno, verdure bollite o flan. Una versione semplicissima che si prepara in meno di cinque minuti e che, ti assicuro, ti stupirà per bontà e delicatezza! Bagna caoda veloce INGREDIENTI PER 4-6 PERSONE 80 g di olio extra vergine di oliva 2 spicchi d’aglio (di Caraglio) 6-8 filetti di acciuga […]

Leggi la ricetta

Lasagna con porro di Cervere e salsiccia di Bra

lasagna porri salsiccia seirass (2)

Tre ingredienti che parlano piemontese Per il Festival Nazionale I primi d’Italia di Foligno ho pensato di ideare una ricetta classica per il pranzo della domenica, giorno in cui si prepara tradizionalmente la pasta all’uovo, utilizzando solo i migliori prodotti del territorio piemontese: il delicatissimo porro di Cervere, la saporita salsicca di Bra e il cremoso seirass stemperato con latte fresco delle nostre valli. Con questi ingredienti ho preparato dei plin fatti a mano e questa lasagna bianca dal gusto avvolgente e rotondo. Non dimenticarti un pizzico di timo fresco, che si abbina ottimamente a questi sapori! 😉 Il porro di Cervere […]

Leggi la ricetta

Plin al porro di Cervere con salsiccia di Bra al timo

Plin al porro di Cervere con salsiccia di Bra e timo (2)

Forse non sai… …Che il termine plin, che in dialetto significa “pizzicotto”, sta ad indicare il caratteristico gesto del pizzicare la pasta con le dita per ottenere questo tipico formato di pasta fresca piemontese. Una volta stesa la pasta piuttosto fine, si distribuiscono su di essa delle piccole palline di ripieno a mano o con il sac à poche, poi si richiude la sfoglia con il pizzicotto e si taglia ogni plin con la rotella dentellata, ottenendo una tasca di pasta ideale per trattenere il condimento. Per il ripieno si utilizzano generalmente carni miste di bovino, suino e coniglio: spesso […]

Leggi la ricetta

Plin fatti a mano

plin fatti a mano (14)

Una tradizione piemontese Oggi ti porto in Piemonte per farti assaggiare uno dei piatti della tradizione delle Langhe e del Monferrato e diffusi in tutto il territorio circostante: i plin, dei piccoli ravioli preparati con una sottile pasta sfoglia all’uovo e un ripieno preparato con tre tipi di arrosto. Il termine plin, che significa in dialetto, appunto, pizzicotto, sta ad indicare il caratteristico gesto del pizzicare la pasta con le dita per ottenere questo tipico formato di pasta fresca. Una volta stesa la pasta, si distribuiscono su di essa delle piccole palline di ripieno a mano o con il sac à poche, […]

Leggi la ricetta

Rabaton

Baraton alessandrini (9)

Rabaton? Oggi avevo voglia di una ricetta “cucinata”, una di quelle che sanno di casa e che abbiano il potere di confortarci, come una carezza che ci rassicura, nei silenzi della stanza, e che ci sussurra che va tutto bene. Ho provato una ricetta estranea dalla tradizione marchigiana, e da quella cuneese, una di quelle, per me, senza ricordi specifici, senza fotografie in bianco e nero da rispolverare, senza l’effetto madeleine. Non volevo mi riconducesse a niente di passato, o di futuro, ma volevo immaginarmi in una realtà completamente nuova e sconosciuta, fatta di piccole cose, povere, ma vere. Ho provato […]

Leggi la ricetta

Ravioles della Val Varaita

DSC_0065

Una gita nel cuneese Oggi ti porto in Val Varaita in provincia di Cuneo per assaporare un primo piatto eccezionale nella sua semplicità: le ravioles della Val Varaita. Nonostante il loro nome riecheggi i ravioli di pasta all’uovo ripiena (che in Piemonte sono chiamati, invece, agnolotti) si tratta di gnocchetti di forma allungata preparati con un impasto di patate e farina al quale non vengono aggiunte uova, ma un tomino fresco o tomino di Melle, che è il nome di un paesino della valle. Questi gnocchetti, infatti, sono chiamati anche le ravioles di Melle. Si possono condire in vari modi, semplicemente con burro fuso […]

Leggi la ricetta

Brasato al Barolo, ricetta tradizionale piemontese

brasato nuove bassa (2)

Un classico della cucina piemontese La ricetta di questo piatto può variare di zona in zona, o di famiglia in famiglia. Ognuno ha i propri segreti di preparazione: ad esempio, alcuni aggiungono del burro, del lardo, sfumando la salsa con del brandy o del brodo di carne. In alcune ricette si riporta l’impiego di spezie quali cannella e noce moscata, assenti in altre. L’operazione fondamentale per la buona riuscita di questo piatti tipico della tradizione piemontese è senza dubbio la marinatura della carne nel vino aromatizzato con erbe e verdure. La marinatura può andare da 12 fino a 24 ore, alcuni testi riportano […]

Leggi la ricetta

Bagnet verd, salsa tipica piemontese

Bagnet verd nuove (1)

Del mezzadro o del padrone, ecco la salsa verde per eccellenza! Ti presento una salsa della tradizione piemontese, molto gustosa e semplice da preparare, adatta ad accompagnare pietanze di carne (come ad esempio il tradizionale bollito alla piemontese o la celebre lingua al verde) o anche uova sode, pomodori farciti, patate o pesce lesso. Esistono il Bagnet verd rustico del mezzadro (preparato con aglio, acciughe, prezzemolo, olio e mollica di pane imbevuta nell’aceto di vino bianco) e il Bagnet verd ricco del padrone (con l’aggiunta del tuorlo d’uovo sodo, dei capperi e, se si vuole, di qualche sottaceto). Nello specifico, […]

Leggi la ricetta

Carne cruda alla piemontese

carne cruda (3)

Battuta al coltello alla piemontese, a regola d’arte! Quando sono arrivata a Cuneo dalle Marche, l’assaggio della carne cruda è stata davvero un’esperienza particolare: non ero abituata a questo genere di sapori  e sicuramente all’inizio la carne cruda fa un certo effetto. Da allora sono passati dieci anni e i miei gusti sono decisamente cambiati. Se fatta bene, la carne cruda (chiamata all’albese, anche se di norma con questa definizione si vuole indicare principalmente il carpaccio) risulta delicatissima e morbida al palato. L’importante è acquistare della carne di ottima qualità dal vostro macellaio di fiducia e mangiarla freschissima, appena tagliata. Inoltre ti consiglio di […]

Leggi la ricetta