Close
spaghetti alla fanese (1)

spaghetti alla fanese (2)

Gli spaghetti della Vigilia

Ti presento un primo piatto economico, ma squisito, che le famiglie fanesi preparano da generazioni: gli spaghetti alla fanese! Un primo piatto gustoso e dai sapori decisi realizzato con ingredienti semplici, facilmente reperibili, ma sempre di elevata qualità. Tonno, alici, prezzemolo e concentrato di pomodoro sono gli ingredienti base e, mi raccomando, lo spaghetto deve essere uno spaghetto importante, non sottile, e cotto al dente. Segui i miei consigli per realizzare un primo piatto prelibato senza spendere un capitale e con ingredienti che, normalmente, abbiamo tutti in dispensa!

Curiosità: questo piatto si prepara anche in anticipo e alcuni lo amano gustare a temperatura ambiente. Il vero fanese ne preparava sempre due etti in più da gustare anche a cena; famosa la versione del celebre ristorante Frusaglia della famiglia Biagiotti, questo piatto era più spesso preparato nelle case dei fanesi, solitamente il venerdì, o servito alla Vigilia di Natale come piatto unico senza carne.

separatore

Spaghetti alla fanese

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 320 g di spaghetti o spaghetti quadrati
  • 180 g di tonno sgocciolato sott’olio
  • 5 filetti di alici sott’olio (o meglio sotto sale)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 4 ciuffi di prezzemolo con gambo
  • 4 cucchiai abbondanti di concentrato di pomodoro di qualità (la conserva)
  • Pepe macinato fresco
  • Olio extra vergine di oliva di qualità

spaghetti alla fanese (1)

PREPARAZIONE

Preparare gli spaghetti alla fanese è molto semplice e veloce: il sugo di cuoce durante la cottura della pasta!

  1. Lessa gli spaghetti in abbondante acqua salata.
  2. Nel frattempo, scalda abbondante olio (circa 50 g) in una pentola dal fondo spesso o salta pasta. Schiaccia l’aglio o tagliatelo molto finemente al coltello, quindi profum con del prezzemolo intero con gambo, non tritato!
  3. Sciogli le alici nell’olio caldo e aggiungi i filetti di  tonno ben sgocciolato. Mischia con un cucchiaio in legno senza disfare totalmente il tonno, che dovrà rimanere a pezzettoni. Trascorso un minuto di cottura, aggiungi il concentrato di pomodoro in purezza, senza allungarlo con acqua o brodo. Scioglilo bene in padella e insaporisci con abbondante pepe e una punta di sale nel caso occorresse (normalmente si omette perché gli ingredienti sono già molto sapidi, quindi ti consiglio di fare la prova assaggio prima di aggiungerne!)
  4. Lascia cuocere pochi minuti e spegni il fuoco: il sugo dovrà risultare dorato, lucido e corposo.
  5. Scola gli spaghetti al dente e tuffali nel sugo precedentemente preparato con un mestolo d’acqua di cottura, che ti permetterà di legare bene i sapori dando consistenza alla salsa grazie agli amidi in essa contenuti. Termina la cottura a fuoco basso, facendo penetrare bene il condimento alla pasta.
  6. Impiatta con l’aiuto di pinza e mestolo creando un nido perfetto e completa con abbondante pepe macinato fresco e un filo d’olio crudo a lucidare.

Questa volta ho voluto dare un tocco originale alla ricetta spennellando il piatto con la salsa di tonno e cospargendolo con del prezzemolo fresco tritato: di certo mia nonna non l’avrebbe mai fatto, a te piace? 😀

spaghetti alla fanese (3)

 

Print Friendly