Close
cavolo piemontese con noci e uvetta (1)

cavolo piemontese con noci e uvetta (1)

Per un contorno sfizioso!

Vorrei consigliarti una ricetta per cucinare il cavolo in maniera diversa, veloce e appetitosa: il cavolo piemontese con noci e uvetta! Per questa ricetta, taglio il cavolo a chiffonade (non ti spaventare, armati di coltello affilato, arrotola una ad una le foglie di verza e poi tagliale a striscioline evitando la nervatura centrale!) e lo lascio stufare pochi minuti in un filo d’olio, aromatizzando con aglio in camicia e uvetta siciliana, proprio quella usata di solito per la magnifica pasta con le sarde! Le noci vanno aggiunte all’ultimo, per un tocco saporito e croccante e per fare il pieno di omega tre vegetali! Con questa tecnica, il cavolo cuoce davvero un pochi minuti, 10-12 al massimo, ed eccovi pronto un contorno autunnale sfizioso!

Cavolo piemontese con noci e uvetta

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • Mezzo cavolo piemontese (o cavolo cappuccio, o verza)
  • 2 cucchiai di uvetta siciliana (o uva passa ammollata)
  • 10 noci circa
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • Pepe bianco

cavolo piemontese con noci e uvetta (2)

PREPARAZIONE

  1. Taglia il cavolo a chiffonade o a striscioline semplici non troppo sottili, quindi lavalo accuratamente sotto il getto dell’acqua fredda.
  2. Scolalo bene e lascialo stufare in padella dai bordi alti (va benissimo anche un saltapasta) con uno spicchio d’aglio in camicia e olio extra vergine.
  3. Sala per far fuoriuscire prima l’acqua di vegetazione della verdura, quindi aggiusta di pepe e inserisci in padella anche l’uvetta ammollata e tamponata. Cuoci con coperchio per circa 10 minuti, fino a che le striscioline di cavolo non saranno ben appassite. Completa con le noci sgusciate e un filo d’olio a crudo.
  4. Consiglio: per una versione ancora più saporita, puoi cuocere il cavolo in un fondo di pancetta a cubetti, il suo sapore sarà eccezionale! Altrimenti, prova con un fondo di acciughe 😉  Al posto delle noci, puoi usare anche dei pinoli o delle mandorle tostate!
Print Friendly